Seguici su: youtubefacebooktwitterflickrfeed rss
Home|Perchè|La Casa|Le Stanze|Maps & Directions|Links|Photogallery|Prenotazioni|Offerte Speciali|Newsletter|Contatti

Blog feed

I mattoni romani

I mattoni triangolari

Durante i lavori di consolidamento e recupero di Palazzo Alberti (2002), nella parte alta della muratura esterna verso il portico, abbiamo trovato numerosi mattoni di epoca romana, principalmente di due tipi, e riutilizzati come riempimento durante il grande restauro eseguito sulla struttura dal 1700 al 1710.

Era apparsa subito chiara l'appartenenza del tipo a forma triangolare come rivestimento della sottostante struttura in laterizio appartenente al teatro del I/II secolo d.C..
I mattoni di tipo triangolare provenivano dai tipi di laterizio denominati "Bessali" a forma quadrata di due terzi di "piede romano" di lato, pari a circa 20 cm.
Essi venivano utilizzati suddividendoli in due triangoli lungo la diagonale, che restava visibile sulla faccia esterna del paramento (lunghezza poco meno di un piede, 26/27 cm) e con il vertice all'interno per risparmio di materiale.
L'altro tipo di mattone con lati ricurvi apparteneva invece al vicino tempietto.
I laterizi a forma di settore circolare o, più raramente, a cerchio completo, servivano per realizzare e rivestire colonne in muratura successivamente intonacate e colorate.

photogallery

  • I mattoni per le colonne

inserito il 04/05/2010 18:07 | Condividi